Io, lei, Manhattan

Criticalwinenotav.it Io, lei, Manhattan Image

"Una vera meraviglia" - The Times Literary Supplement "Un racconto d’amore nella New York degli anni Ottanta… Adam Gopnik sa emozionare e rendere affascinanti le piccole cose quotidiane della vita domestica" - The New York Post All’inizio degli anni Ottanta Manhattan non è ancora il fortino inaccessibile che è diventato oggi, ma due giovani appena sbarcati dal Canada attratti dalla sua effervescente vita culturale devono comunque accontentarsi di un minuscolo monolocale in un seminterrato. Da qui partono Adam e Martha nell’esplorazione di se stessi, del loro matrimonio iniziato proprio a New York e della loro nuova città, luogo ideale per mettere a frutto ambizione e talento. Quello di Adam, come lui stesso scoprirà non senza un certo stupore, sta nella capacità di mettere in fila le parole e di spaziare dalla cultura alta a quella bassa, abbandonando il puntiglioso «ma» del dibattito accademico per un tollerante «e» in grado di accogliere con sguardo curioso tutto ciò che la città ha da offrirgli. E delle sue doti dà prova anche in questi resoconti dei suoi comici esordi nel mondo lavorativo, da un impiego alla Frick Library a un altro al MoMA fino ad approdare alla rivista GQ, dove la totale mancanza di requisiti lo rende il candidato ideale. Ogni passaggio è occasione per gli incontri più disparati, dal fotografo Richard Avedon, che diventa mentore e amico fraterno, a un artista di strada deciso a rifare Van Gogh meglio di Vincent, dall’ineffabile star dell’arte consumistica Jeff Koons a un derattizzatore filosofo alle prese con la fauna sotterranea di SoHo. E il racconto cede volentieri il passo alla digressione: il parallelo tra i cicli della moda e l’eterno ritorno dell’uguale di nietzschiana memoria; la semiotica astuta dei centri commerciali e del finto nordico Häagen-Dazs; la capacità di oggetti iconici come il walkman e le Nike di mettere le ali ai piedi a un semplice camminatore: nessun argomento sfugge all’insonne e divertita ispirazione di un grande affabulatore.

INFORMAZIONE

AUTORE Adam Gopnik
DATA 2019
DIMENSIONE 4,85 MB

"Io sono un uomo all'antica. Non credo nelle relazioni extraconiugali. Ritengo, invece, che la gente dovrebbe restare sposata per tutta la vita, come i colombi e i cattolici.

SCARICARE
LEGGI
Abbiamo conservato per te il libro Io, lei, Manhattan dell'autore Adam Gopnik in formato elettronico. Puoi scaricarlo dal nostro sito web criticalwinenotav.it in qualsiasi formato a te conveniente!

io faccio lo scemo mo co lei no non attacca io tipo da campari lei da oliva nel manattan la volante passa stasera tira un'ariaccia non ho mai imparato a fare il nodo alla cravatta

Biografie della nazione. Vita, storia, politica nel «biopic» italiano.pdf

I 21 modi di non pubblicare un libro.pdf

La risorsa infinita. Per una società democratica della conoscenza.pdf

La vita è un viaggio.pdf

Illazioni su una sciabola.pdf

Annali dell'Istituto Alcide Cervi (1984).pdf

Primi scritti filosofici.pdf

Macbeth. Melodramma in quattro atti. Musica di G. Verdi.pdf

Dizionario essenziale inglese-italiano, italiano-inglese.pdf

Zabor o I salmi.pdf

La principessa di Clèves.pdf

Dante. Dalla «mirabile visione» a «l'altro viaggio». Tra «Vita nova» e «Divina commedia».pdf

Rendiconto finanziario 2017. Aggiornato con la nuova versione del principio contabile OIC 10 emanata il 22 dicembre 2016.pdf

Mai più bocciati. Il modello Sos StudioTM per aiutare tuo figlio a scuola e nel rapporto con te.pdf

Noi e i greci.pdf

La strega di Portobello.pdf

Intervento cognitivo nei disturbi autistici e di Asperger. Schede per il trattamento.pdf

Ansiopanicyn. 30 pillole di salute in 30 giorni contro ansia e panico.pdf

Tempesta di neve e profumo di mandorle.pdf

Matematica finanziaria. Ediz. inglese.pdf