Il pensiero politico del Rinascimento. Realismo e utopia

Criticalwinenotav.it Il pensiero politico del Rinascimento. Realismo e utopia Image

Il pensiero politico del Rinascimento, nei suoi diversi e anche divergenti itinerari, rappresenta una innovativa e radicale analisi dell'agire pubblico. Gli antichi, non accettati quali autorità indiscusse ma valutati criticamente, e le sconvolgenti e inedite istanze poste dalle guerre d'Italia, costituirono le premesse del dibattito politico nei primi decenni del Cinquecento. I poli di questa discussione furono il realismo e l'utopia, che non rappresentarono due risposte antitetiche. Sia il realismo politico che l'utopia furono caratterizzati da dicotomie, che sono il segno peculiare del Rinascimento: dignitas hominis e tragedie storiche, ragione e follia, libertà e fortuna, caso e necessità, accidentale e universale, storia e trascendenza. Attraversando le ambivalenze della realtà, senza pretendere di conciliarle in una sintesi illusoria, e rivendicando la natura libera e razionale dell'uomo, pur nella consapevolezza dei suoi drammatici e ineludibili limiti, la cultura politica rinascimentale propose riflessioni sulle quali ancora oggi ci interroghiamo.

INFORMAZIONE

AUTORE Gennaro Maria Barbuto
DATA 2007
DIMENSIONE 3,54 MB

Sia il realismo politico che l'utopia furono caratterizzati da dicotomie, che sono il segno peculiare del Rinascimento: dignitas hominis e tragedie stonche, ragione e follia, libertà e fortuna, caso e necessità, accidentale e universale, storia e trascendenza.

SCARICARE
LEGGI ONLINE
Abbiamo conservato per te il libro Il pensiero politico del Rinascimento. Realismo e utopia dell'autore Gennaro Maria Barbuto in formato elettronico. Puoi scaricarlo dal nostro sito web criticalwinenotav.it in qualsiasi formato a te conveniente!

Nichilismo e stato totalitario. Libertà e autorità nel pensiero politico di Giovanni Gentile e Giuseppe Rensi: Il saggio Nichilismo e stato totalitario si incentra sui pensieri politici di Giovanni Gentile e di Giuseppe Rensi, sulle loro ambivalenze e contraddizioni nel periodo tra la prima e la seconda guerra mondiale.Giovanni Gentile (1875-1944) fu filosofo e ministro dell'istruzione.

Non è per snob. Lezioni di bon ton per un mondo più gentile.pdf

I giorni dell'oro.pdf

Tutti in viaggio. Bubble guppies. Con adesivi. Ediz. illustrata.pdf

Breve trattato dei sette raggi. Una sintesi dell'opera del maestro tibetano.pdf

Io sono il potere. Confessioni di un capo di gabinetto.pdf

Barbie squadra speciale. Storia sticker. Con adesivi. Ediz. illustrata.pdf

Storie di neve. Ediz. a colori.pdf

Eserciziario di statistica sociale.pdf

I racconti delle donne.pdf

Il lavoro domestico e di cura: quali diritti?.pdf

I principi dell'amministrazione europea.pdf

Economia, politica, società.pdf

Non so perchè non ho fatto il pittore. Scritti d'arte (1934-1990).pdf

Ruggine americana.pdf

Adolf Reinach. La fenomenologia, il realismo.pdf

Alla mensa di Betania. La fede, la tomba e l'amicizia.pdf

Psicologia generale e neuroscienze cognitive. Manuale per le professioni medico-sanitarie.pdf

Codice civile e procedura civile e leggi complementari.pdf

Ciccio pasticcio e le fiabe.pdf

Gioca nel castello. Frozen. Con adesivi. Ediz. a colori.pdf