Schadenfreude. La gioia per le disgrazie altrui

Criticalwinenotav.it Schadenfreude. La gioia per le disgrazie altrui Image

Da Shakespeare ai Simpson, da Winnie Pooh a Dostoevskij, da Freud a Kim Kardashian, Tiffany Watt Smith conduce un’esilarante spedizione nei territori oscuri delle nostre emozioni più inconfessabili. Forse è arrivato il momento di smetterla di preoccuparsi e amare la Schadenfreude. Quando un pendolare ti spintona per raggiungere il suo treno, e poi lo perde. Quando il belloccio dell’ufficio fa lo splendido sulla sedia girevole e si ribalta. Quando la tua ex annulla all’ultimo il matrimonio per motivi ignoti. Quando una folata di vento scoperchia il parrucchino di un passante. Quando il campione mondiale di castelli di carte starnutisce e fa cadere tutto. Dovresti dispiacerti, e invece non riesci a toglierti dalla faccia quel sorrisetto. Ecco cos’è la Schadenfreude. «La sfortuna degli altri è dolce come il miele», dice un antico proverbio giapponese, mentre i soliti, pragmatici tedeschi l’hanno detto con una parola sola: Schadenfreude, “la gioia per le disgrazie altrui”. Il termine è minaccioso e oscuro, ma l’emozione è deliziosa e più comune di quanto siamo disposti ad ammettere. Tutti l’abbiamo provata e la proviamo ogni giorno, in fila al supermercato o girovagando sui social. È la gioia segreta quando vediamo l’uomo d’affari che pesta una cacca di cane, il politico sommerso di insulti su Facebook, il nostro vicino a cui si rompono i sacchi della spazzatura stracolmi. Spesso la travestiamo da giustizia divina, da vendetta del karma, quando l’universo sembra punire chi se lo merita. Però non sempre è così, o non solo. È anche il sollievo di non essere quella persona che sta facendo una figuraccia, la gioia di vedere che nessuno è perfetto, la gratitudine di trovarsi in disparte e, per una volta, la felicità di essere se stessi (almeno finché agli altri capitano cose del genere). Tiffany Watt Smith prosegue la mappatura dell’Atlante delle emozioni umane, e stavolta si sofferma su una singola bizzarra emozione, che Nietzsche definiva la «vendetta dell’impotente» mentre per Schopenhauer era l’«indizio più infallibile di un cuore profondamente cattivo». Sebbene sia così diffusa, la Schadenfreude è infatti da sempre un vero rompicapo: come funziona, a che cosa serve e, soprattutto, dobbiamo vergognarcene o no? In un’epoca di scontri politici e rabbia populista, di gogne pubbliche a colpi di tweet e autopromozione a base di selfie, studiare la Schadenfreude significa ripensare completamente la gelosia e l’invidia, forse i veri motori segreti del mondo.

INFORMAZIONE

AUTORE Tiffany Watt Smith
DATA 2019
DIMENSIONE 9,44 MB

Quale demone ci invade quando proviamo gioia per le disgrazie altrui? Quando la ex è costretta ad annullare il matrimonio, quando il rivale scivola su una buccia di banana? A questo fenomeno...

SCARICARE
LEGGI
Abbiamo conservato per te il libro Schadenfreude. La gioia per le disgrazie altrui dell'autore Tiffany Watt Smith in formato elettronico. Puoi scaricarlo dal nostro sito web criticalwinenotav.it in qualsiasi formato a te conveniente!

In alcune lingue esiste un termine specifico per descrivere questa forma particolare di gioia: in tedesco si dice schadenfreude, in greco epichairekakia, in ungherese karöröm, in finlandese vahingonilo, in francese joie maligne. ... In fondo tutti provano gioia per le disgrazie altrui.

Il comunista.pdf

Solo un pugno di neve.pdf

Memorie di una geisha.pdf

Visual basic for application. DVD-ROM.pdf

Per un buon Natale. Il calendario dell'Avvento. Poster.pdf

Psicologia di papa Francesco.pdf

La tela del ragno.pdf

Il mio nome è Luna. Storia vera di una gatta persiana. Estratto gratuito.pdf

Ho visto il paradiso! Ed altre meraviglie....pdf

Red. La trilogia delle gemme. Vol. 1.pdf

Babeleonline print. Vol. 2: Amicizia e ospitalità. Da e per Jacques Derrida..pdf

Morte di un amico che guardava.pdf

Blancandin et l'Orgueilleuse d'amours. Versioni in prosa del XV secolo.pdf

Mercato concorrenza regole (2007). Vol. 1.pdf

La carrozza delle principesse.pdf

Cucinare con erbe, fiori e bacche dell'Appennino.pdf

Il comportamento, motore dell'evoluzione.pdf

Veglia irlandese.pdf

La fiaba letteraria inglese. Metamorfosi di un genere.pdf

La bambina con il cappotto rosso.pdf